E.I.M.A. System - Sistema integrato per l'analisi dei materiali lapidei
(domanda di brevetto italiana presentata il 27/06/2008 - prot. n. RM2008A000343)


La progettazione e lo sviluppo del sistema EIMA, dopo una preliminare prova di fattibilità, sono stati accompagnati da un approfondito lavoro di ricerca e di sperimentazione, incentrato sulla formulazione e preparazione di numerose malte standard con diversi tipi di aggregato, da analizzare sia mediante il software che con altre tecniche analitiche di confronto. Questo studio, completamente eseguito nei laboratori de Il Cenacolo, è stata necessario per la messa a punto e l’ottimizzazione del software e per la verifica dei risultati.


Diagramma di flusso EIMATutte le fasi della ricerca sono riportate in dettaglio nel diagramma di flusso qui accanto.


Sulla base dei risultati acquisiti con la prova di fattibilità si è definita la serie di malte standard da realizzare, facendo in modo di ottenere il più amplio spettro di tipologie da analizzare. Sono state così formulate 59 diverse malte suddivise in 5 tipologie:provini

  • n. 3 "malte" con sola calce
  • n. 8 malte con calce e sfere di ceramica (SC)
  • n. 16 malte con calce e marmo frantumato (M)
  • n. 16 malte con calce e sabbia di fiume (SF)
  • n. 16 malte con calce e pozzolana (P)


I provini così realizzati sono stati sottoposti a dei cicli di carbonatazione accelerata e successivamente analizzati: sono state allestite delle sezioni sottili per l’osservazione con il software EIMA, sono state eseguite delle prove di disgregazione per l'estrapolazione della curva granulometrica, delle calcimetrie per il calcolo del rapporto legante/aggregato e sono stati determinati alcuni parametri fisici (anche dei soli aggregati).
Il confronto dei dati ottenuti ha permesso di valutare la bontà del sistema, dimostrando l’attendibilità e la riproducibilità dei risultati forniti.