Dipinti su supporto mobile

Klimt elaboratoI dipinti su supporto mobile (principalmente tela o tavola) sono stati, per la loro preziosità e delicatezza, uno dei primi campi di applicazione delle indagini diagnostiche allo studio delle opere d’arte.

Nel corso degli anni sono state impiegate e sviluppate molteplici tecniche analitiche utili per investigare e conoscere questi manufatti, la maggior parte delle quali di tipo non invasivo e non distruttivo vista la necessità di non ledere la superficie pittorica.

 

Il Cenacolo si avvale delle tecniche più diffuse per la diagnostica sui dipinti, tra le quali molto importanti sono quelle di tipo fotografico: le foto in luce radente, la riflettografia NIR, la fotografia della fluorescenza UV e la radiografia permettono l’individuazione del disegno preparatorio dell’artista, dei ritocchi, di precedenti interventi di restauro o di risarcimento delle lacune, fino all’individuazione di strati pittorici nascosti. Ci sono poi altre tecniche più specifiche come la colorimetria, la fluorescenza X portatile o la spettroscopia Raman per il riconoscimento dei pigmenti, e la spettroscopia FT-IR per la caratterizzazione di velature e vernici: ulteriori indagini possono essere condotte per stabilire l’origine dei supporti (tavole e tele).
Le informazioni sui caratteri tecnico-artistici e sullo stato di conservazione delle opere, ottenute con l’impiego di tali tecniche, risultano molto importanti in sede di restauro per facilitare e guidare l’intervento.

De Chirico elaboratoDe Chirico

Esempi di lavori svolti

schedaDipinto su tela "Ritratto di signora" di Gustav KlimtPiacenza, (1996)